Conversione permesso di soggiorno per studio in ricerca lavoro o imprenditorialità degli studenti
Conversione permesso di soggiorno per studio in ricerca lavoro o imprenditorialità degli studenti

La legge 9 agosto 2013 n. 99, di conversione del decreto legge del 28 giugno 2013 n. 76, aveva introdotto una serie di novità relative alla promozione dell’occupazione giovanile e della coesione sociale.

Infatti l’art. 9 comma 8-bis dlgs 76/13, modificava l’art. 22, comma 11-bis del TUI (d.lgs 286/98) e consentiva agli studenti stranieri che avevano conseguito nel nostro Paese la laurea triennale o la laurea specialistica, l’opportunità di richiedere un permesso di soggiorno per attesa occupazione di validità annuale a seguito di iscrizione presso i Centri per l’impiego. Tale possibilità, prima ancora, era limitata solo agli stranieri che conseguivano in Italia un dottorato o un master universitario di secondo livello.

Con il d.lgs n. 71/2018 relativo alle condizioni di ingresso e soggiorno dei cittadini di Paesi terzi per motivi di ricerca, studio, tirocinio, volontariato, programmi di scambio di alunni o progetti educativi e collocamento alla pari, è stato abrogato il comma 11-bis dell’art. 22 TUI e sono stati modificati gli artt. 5, 22, 27-bis, 27-ter, 39, 39-bis e 39-bis.1 del TUI e l’art. 1-bis del DL 9 maggio 2003, n. 105.
Il nuovo d.lgs 71/2018 recepisce la direttiva UE 2016/801 del Parlamento europeo e del Consiglio dell’1.5.2016 e mira ad innovare l’accesso al mercato del lavoro degli studenti stranieri al fine di facilitarne la mobilità all’interno dei Paesi dell’Unione Europea.

Il permesso di soggiorno per ricerca lavoro o imprenditorialità degli studenti

Il d.lgs n. 71/2018 ha aggiunto al d.lgs n. 286/98, l’art. 39-bis1 che regola il rilascio del permesso di soggiorno “per ricerca lavoro o imprenditorialità degli studenti”.

Il nuovo articolo stabilisce che lo straniero ha conseguito in Italia un titolo di studio, alla scadenza del permesso di soggiorno per motivi di studio, può dichiarare la propria disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa presso i servizi per l’impiego.

Per “titolo di studio” si intende:

  • dottorato;
  • master universitario;
  • laurea triennale, specialistica, magistrale;
  • diploma accademico di primo/secondo livello o il diploma di tecnico superiore.

In questo modo sarà possibile richiedere un permesso di soggiorno di durata non inferiore a nove e non superiore a dodici mesi, al fine di cercare un’occupazione o avviare un’impresa coerente con il percorso formativo completato.

Tuttavia, ai fini del rilascio del presente permesso, è necessaria la dimostrazione di risorse economiche sufficienti oltre al rispetto dell’obbligo di cui all’articolo 34, comma 3 d.lgs 286/98 (polizza assicurativa).

Infine, il comma 3 dell’art. 39-bis1, stabilisce che il permesso di soggiorno non viene rilasciato, o se già rilasciato, è revocato se:

  • la documentazione di cui ai commi 1 e 2 è stata ottenuta in maniera fraudolenta, falsificata o contraffatta;
  • risulta che lo straniero non soddisfaceva o non soddisfa più le condizioni previste dai commi 1 e 2 nonché le altre condizioni di ingresso e di soggiorno previste dal testo unico immigrazione.

Come richiedere la conversione

La conversione va richiesta all’ufficio immigrazione della Questura tramite compilazione del kit postale e dimostrando, come già anticipato, le risorse economiche sufficienti e quindi un reddito utile ai fini della permanenza in Italia.
In genere, il reddito richiesto non deve essere inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale INPS. Per il 2022, l’importo dell’assegno sociale è di 468,10€ per tredici mensilità, quindi 6.079,45€ all’anno.

Documenti necessari

  1. istanza compilata e sottoscritta dall’interessato (Moduli 1 e 2);
  2. copia di tutto il passaporto o di altro documento equipollente;
  3. documentazione comprovante il conseguimento del titolo di studio (dottorato o master universitario, laurea triennale o la laurea specialistica, ovvero del diploma accademico di primo livello o di secondo livello o del diploma di tecnico superiore).
    N.B.: il comma 2 dell’art. 39-bis1 specifica che ove la documentazione relativa al conseguimento di uno dei titoli si studio non sia già disponibile, quest’ultima può essere presentata entro sessanta giorni dalla richiesta del permesso di soggiorno;
  4. copia della documentazione attestante la disponibilità di adeguate risorse finanziarie per il periodo della durata del permesso di soggiorno;
  5. copia della polizza assicurativa, valida nel territorio nazionale, per il periodo di durata del permesso di soggiorno, contro il rischio di malattia e/o infortuni e assistenza sanitaria in Italia;
  6. certificazione della dichiarazione resa al centro per l’impiego e cioè avvenuta iscrizione nelle liste di collocamento.

In aggiunta, con la ricevuta di spedizione del kit, il passaporto e il permesso di soggiorno in scadenza, si potrà richiedere l’iscrizione temporanea al servizio sanitario nazionale.

Hai bisogno di ulteriori informazioni?
Scrivici a help@infoimmigrazione.com
Rispondiamo sempre.

Online Legal Support

Ricevi la tua risposta in poche ore.

CONTATTA UN AVVOCATO

1 commento
  1. Gentilissime,

    Sono una studentessa con il permesso di studio attualmente valido e a due mesi da laurearmi di UniTO. Dopo finire miei studi vorrei fare la conversione del mio permesso a uno per ricerca di lavoro o di lavoro subordinato. Non so essattamente quale la differenza tra questi due, neanche essattamente quale sono gli documenti che devo consegnare per fare la conversione.

    Ad esempio, la consegna del mio diploma sara 6 mesi dopo la mia laurea. Tuttavia la Universita apre la possibilita di consegnarmi un documento ufficiale che conferma la mia Laurea Triennale (in piu di una autocertificazione). Con il proposito di non perdere il tempo e cercare la opportunita di trovare lavoro.

    Voglio sapere si e valido consegnare questo documento, che non e il diploma ma si un certificate ufficiale della mia Universita, come prova per ottenere il permesso di lavoro. Ho studiato tutta la mia laurea qui in Italia e ho i documenti giusti per provarlo. Anche si questo permesso di ricercar di lavoro mi abilita a lavorare in una azienda o si dovrei convertire il permesso una volta che ho gia trovato il lavoro.

    Mi hanno detto che voi assolutamente sano come funziona il proceso di questa richiesta, e per quello che vi ringraziarei tantissimo si puo aiutarmi in questo proceso che e veramente importantissimo per il mio futuro. Di nuovo grazie mille per tutto.

    Chiedo scusi per gli errori grammaticale. L’italiano non e la mia madre lingua.

    Grazie mille per il suo tempo,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai tutti gli aggiornamenti sulla tua casella di posta.

Potrebbero interessarti

Permesso di soggiorno UE illimitato: come ottenerlo, rinnovo e revoca

Il permesso di soggiorno UE (ex carta di soggiorno) ha durata indeterminata.…

È possibile viaggiare con la ricevuta del permesso di soggiorno?

La ricevuta della richiesta di rinnovo costituisce un documento fondamentale: dimostra di…

Permesso di soggiorno per convivenza di fatto, chi può richiederlo?

La legge Cirinnà (Legge n. 76/2016 del 20/05/2016) oltre ad aver riconosciuto…