Proteste in Nigeria. Foto da UN News
Proteste in Nigeria. Foto da UN News

La Nigeria è tornata nel mirino dell’attenzione pubblica lo scorso febbraio, quando la sua cittadina Ngozi Okonjo-Iweala è stata selezionata come direttrice generale della WTO. 

Contemporaneamente, però, nel paese si susseguono crimini di guerra, violenze di genere, traffico di esseri umani, repressioni violente da parte delle forze di sicurezza, sequestri di massa di studenti ed altre gravi violazioni dei diritti umani. 

Queste problematiche si inseriscono in un contesto di instabilità nel quale si intrecciano diversi attori, tra cui un governo corrotto, i terroristi di Boko Haram, e diversi gruppi criminali. Il tutto è collegato dal fil rouge della pandemia da covid-19, che ha avuto ripercussioni particolarmente critiche a livello socioeconomico.

Le brutalità della polizia

Le proteste a livello nazionale che chiedevano alle autorità di porre fine alla brutalità della polizia e abolire un’unità di polizia abusiva nota come Special Anti-Robbery Squad (SARS) hanno ricevuto l’attenzione globale e hanno portato allo scioglimento dell’unità. Le autorità hanno anche intrapreso alcune azioni a favore della giustizia e della responsabilità per gli abusi della polizia. 

Tuttavia, lo scorso 20 ottobre, una protesta pacifica al casello Lekki di Lagos è stata repressa violentemente dall’esercito nigeriano tramite l’uso di armi da fuoco. Tra i manifestanti #EndSARS, almeno 12 persone sono morte.

Secondo Amnesty International, quello che è successo al casello di Lekki ha tutti i tratti del modello di copertura delle autorità nigeriane messo in atto ogni volta che le loro forze di difesa e di sicurezza hanno commesso uccisioni illegali.
Alla smentita iniziale del coinvolgimento dei soldati nella sparatoria è seguita la vergognosa negazione della perdita di vite umane a seguito dell’attacco dei militari contro le proteste. 

Molte persone sono ancora disperse dal giorno dell’incidente e prove credibili dimostrano che i militari hanno impedito alle ambulanze di raggiungere i feriti gravemente in seguito. Le autorità nigeriane non hanno ancora consegnato alla giustizia i sospetti responsabili della brutale repressione delle forze di sicurezza contro manifestanti pacifici, né protetto i cittadini che stavano esercitando il diritto alla libertà di riunione. Al contrario, le autorità nigeriane hanno preso di mira i sostenitori delle proteste contro la brutalità della polizia da parte della sciolta SARS.

Le violenze di Boko Haram

La pandemia di Covid-19 ha scosso il panorama socio-economico della Nigeria e ha evidenziato gravi lacune nel sistema di protezione sociale del paese. Allo stesso tempo, il coronavirus ha anche esacerbato le sfide nella risposta umanitaria nella regione nord-orientale della Nigeria, dove il conflitto armato del governo con il gruppo armato estremista islamista Boko Haram, giunto all’undicesimo anno, ha lasciato oltre 7,5 milioni di persone bisognose di assistenza umanitaria.

L’insicurezza nella regione è persistita poiché Boko Haram e la sua fazione scissa, la provincia dell’Africa occidentale dello Stato islamico (ISWAP), hanno continuato a lanciare attacchi contro obiettivi civili, umanitari e militari. Almeno 363 civili sono stati uccisi dagli insorti islamisti tra gennaio e settembre scorsi.

Ad agosto, le autorità dello Stato di Borno, nel nord-est, hanno annunciato piani per inviare 1.860.000 sfollati interni (IDP) e rifugiati nelle loro comunità nonostante le continue preoccupazioni per la sicurezza. Sedici giorni dopo che gli sfollati interni erano stati restituiti all’area del governo locale del Kukawa il 18 agosto, i ribelli di Boko Haram hanno attaccato la comunità e rapito almeno 100 persone. Il governo ha continuato a partecipare ai rimpatri forzati dei rifugiati nigeriani dal Camerun.

Nel nord-ovest e in alcune parti del sud, la violenza tra le comunità è continuata mentre gruppi armati alleati di pastori, vigilantes e bande criminali hanno ucciso centinaia di civili e rapito persone per il riscatto e fatto irruzione nel bestiame.

La diffusa violenza sessuale contro donne e ragazze, compreso un attacco che ha portato alla morte di uno studente a maggio, ha suscitato proteste nazionali e ha spinto le autorità a dichiarare un’emergenza nazionale per stupro e violenza sessuale.

Migliaia di persone con problemi di salute mentale rimangono incatenate e rinchiuse in varie strutture, tra cui ospedali statali, centri di riabilitazione, centri di guarigione tradizionali e strutture basate sulla fede sia cristiana che islamica. A febbraio, la commissione per la salute del Senato ha tenuto un’audizione pubblica su un progetto di legge sulla salute mentale.

Rapimenti nelle scuole

Da dicembre, più di 600 studentesse e studenti sono stati rapiti dalle scuole nel nord-ovest della Nigeria, evidenziando uno sviluppo preoccupante nella crisi dei rapimenti a scopo di riscatto nel paese.

Il rapimento avvenuto il 26 febbraio di quasi 300 studenti della scuola secondaria di scienze governative per ragazze a Jangebe, nello stato di Zamfara, che si è concluso con il loro rilascio, è stato il secondo rapimento di massa dalle scuole in meno di 10 giorni. Altri ventisette ragazzi e i loro insegnanti prelevati da una scuola a Kagara, nello stato del Niger, il 17 febbraio, erano stati rilasciati dieci giorni dopo.

Le autorità affermano che i recenti attacchi alle scuole nel nord-ovest sono stati effettuati da “banditi“, un termine generico per rapitori, ladri armati, ladri di bestiame, pastori fulani e altre milizie armate che operano nella regione che sono in gran parte motivate dal denaro.

Molti credono che una debole infrastruttura di sicurezza e governatori che hanno scarso controllo sulla sicurezza nei loro stati – la polizia e l’esercito sono controllati dal governo federale – e hanno fatto ricorso al pagamento di riscatti, hanno reso i rapimenti di massa una fonte di reddito redditizia.

Aumentano i timori che una cosiddetta “industria dei rapimenti” continui ad espandersi nel nord della Nigeria, e il presidente del paese Muhammadu Buhari è stato chiamato dalla comunità internazionale a continuare ad impegnarsi per porre fine a questo flagello.

Ricordiamo come nel 2014, l’attacco del gruppo estremista islamista Boko Haram alla scuola secondaria di Chibok nello stato del Borno ha suscitato proteste internazionali e ha provocato la campagna #BringBackOurGirls. Delle 276 ragazze prese allora, più di 100 non sono ancora state trovate dopo quasi 7 anni.

Violazioni dei diritti umani

Nel complesso, la situazione in Nigeria è fortemente instabile e il rispetto dei diritti umani è messo concretamente a repentaglio su più fronti.
Gli attacchi di Boko Haram continuano provocando centinaia di morti, causate dall’incapacità delle forze di sicurezza di proteggere i civili.
L’esercito, la polizia e il servizio di sicurezza statale della Nigeria hanno continuato a torturare e maltrattare i cittadini. La violenza comunitaria è continuata in alcune parti del paese.

Le libertà di riunione, associazione ed espressione sono state messe sotto attacco poiché il paese ha assistito a uno spazio civico sempre più ristretto. Il governo ha anche disobbedito a diversi ordini del tribunale.
Il diritto all’educazione è continuamente messo a repentaglio dai sempre più frequenti rapimenti nelle scuole. Questo insieme anche a tutti i restanti diritti dei bambini, che vengono totalmente negati a causa dei sequestri forzati.

In un quadro così complesso in cui vari attori si intrinsecano in un mix di violenze, repressioni e rapimenti, le libertà e i diritti dei cittadini finiscono per restringersi sempre più. 

Hai bisogno di un'assistenza personalizzata? Siamo a Palermo, Napoli e Roma. Inviaci una mail all'indirizzo help@infoimmigrazione.com o contattaci sui nostri canali social. Rispondiamo sempre.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai tutti gli aggiornamenti sulla tua casella di posta.

Potrebbero interessarti

Modifiche al decreto Salvini, torna la protezione umanitaria?

I decreti Sicurezza voluti da Matteo Salvini e approvati nel 2018, sono…

L’amministrazione Trump esegue la sua 13esima ed ultima condanna a morte

“Chi è mai colui che abbia voluto lasciare ad altri uomini l’arbitrio…

L’affido familiare per i MSNA, una strada complessa ma necessaria

I minori stranieri non accompagnati (MSNA), sono ragazzi e bambini arrivati in…