Conversione patente straniera
Conversione patente straniera

Il vigente Codice della Strada (artt. 135-136 del D. Lgs. 285/1992) permette la circolazione sul territorio italiano anche ai titolari di patente di guida conseguita in uno Stato estero con alcune accortezze.

Di seguito illustriamo quali patenti sono valide in Italia e con quali limitazioni e quando, invece, è necessario effettuare la procedura di conversione del documento di guida straniero con uno italiano.

In quali casi è possibile guidare con patente straniera?

I cittadini extraeuropei non residenti in Italia possono circolare con il documento del paese d’origine. Se, invece, il cittadino straniero ha deciso di stabilire la propria residenza sul territorio italiano, potrà continuare a guidare munito del titolo del paese d’origine, e della relativa traduzione ufficiale, fino a un anno dall’acquisizione della residenza.
Trascorso l’anno, sarà necessario avviare la procedura di conversione del documento presso la Motorizzazione Civile.

Per i cittadini europei, anche residenti, è possibile circolare con la patente di guida dello Stato d’origine fino al momento della scadenza, che non deve superare i 5 o i 10 anni (a seconda della tipologia di documento). Terminata la validità, occorrerà anche in questo caso richiedere la conversione del documento in titolo italiano. 

La traduzione ufficiale della patente di guida straniera può richiedersi al Consolato del paese d’origine e la firma dei funzionari consolari deve essere regolarizzata in Prefettura, altrimenti può effettuarsi con traduzione giurata davanti ad un notaio o ad un cancelliere giudiziario.

Qualora il cittadino europeo sia in possesso di una patente di guida priva di scadenza o con scadenza superiore a 5 o 10 anni, invece, potrà continuare a circolare con il documento del paese d’origine fino a 2 anni dall’acquisizione della residenza in Italia. A seguito dovrà anch’egli effettuare la richiesta di conversione presso la Motorizzazione Civile.

Quali patenti straniere sono convertibili in Italia?

Possono essere convertite in documento di idoneità alla guida tutte le patenti rilasciate dalle competenti autorità di Stati facenti parte dell’Unione Europea e dello Spazio economico europeo.

Oltre a queste, sono convertibili anche le patenti rilasciate dai seguenti paesi extraeuropei: Algeria, Argentina, Brasile , Corea del Sud, El Salvador , Filippine, Giappone, Libano, Macedonia , Marocco, Moldavia, Principato di Monaco, San Marino, Sri Lanka, Svizzera, Taiwan, Tunisia, Turchia, Ucraina e Uruguay.

Inoltre, alcuni Stati rilasciano documenti di guida convertibili solamente ad alcune specifiche categorie di cittadini (principalmente personale diplomatico ed in missione governativa e loro familiari). Si tratta di Stati Uniti, Cile, Canada e Zambia.

Nel caso in cui lo Stato d’origine non rientri tra quelli fin qui elencati, il titolare potrà circolare con l’attestato estero di idoneità alla guida tradotto oppure con patente internazionale fino ad un anno dall’acquisizione della residenza in Italia. Se non in possesso di questi documenti, o una volta trascorso il termine di un anno, sarà necessario sostenere l’esame di abilitazione alla guida previsto anche per i cittadini italiani.

Come e dove si avvia la procedura di conversione?

Sia per i cittadini europei che extraeuropei la conversione della patente di guida si può richiedere presso gli uffici della Motorizzazione Civile oppure a qualunque autoscuola, sebbene con costi maggiori. L’interessato, oppure persona delegata, deve presentare al momento della richiesta la seguente documentazione:

  1. Domanda su modello TT2112 (si può ritirare direttamente presso la Motorizzazione Civile oppure scaricare online dal Portale dell’Automobilista); 
  2. Ricevuta di versamento di €10,20 sul bollettino postale prestampato 9001 (disponibile presso qualunque ufficio postale); 
  3. Ricevuta di versamento di €32,00 euro sul bollettino postale prestampato 4028 (disponibile presso uffici postali e uffici della motorizzazione); 
  4. 2 fotografie in formato tessera; 
  5. Patente originale e sua fotocopia; 
  6. Documento di riconoscimento in originale e in fotocopia; 
  7. Codice fiscale in originale e in fotocopia.

Per i cittadini extracomunitari è necessario allegare anche: 

  1. Permesso di soggiorno o carta di soggiorno e la fotocopia; 
  2. Ricevuta della richiesta di primo rilascio o di rinnovo del permesso di soggiorno; 
  3. Carta di identità italiana, o altro documento di riconoscimento rilasciato dallo Stato italiano; 
  4. Certificato medico con bollo da €16,00, rilasciato non più di 3 mesi prima della data di richiesta, e sua fotocopia.

Si deve aggiungere che per i cittadini europei la conversione avviene senza necessità di svolgere un ulteriore esame di abilitazione. Diversamente, per i cittadini extraeuropei, la conversione avviene in via diretta, senza obbligo di esame di guida, solamente se il titolare ha ottenuto la patente estera prima di acquisire la residenza in Italia e se risulta risiedere ufficialmente sul territorio italiano da non più di 4 anni.

Quali sono le conseguenze se si guida con patente straniera non convertita?

Una volta trascorsi i termini entro i quali è possibile circolare con patente straniera (sia rilasciata da Stato europeo che extraeuropeo), se si viene trovati alla guida si incorre nel ritiro della patente da parte delle autorità competenti. Se dovesse trattarsi di documento convertibile, la Prefettura lo invierà all’ufficio della Motorizzazione Civile per avviare la pratica per la procedura di conversione, diversamente lo trasmetterà al Consolato del paese d’origine più vicino.

 

 

Autrici:
Chiara Maccari
Praticante per la professione forense e coordinatrice presso la Clinica Legale dell’Immigrazione e della Cittadinanza dell’Università degli Studi Roma Tre.

Cecilia Ciobanu
Studentessa alla facoltà di giurisprudenza e borsista presso la Clinica Legale dell’immigrazione e della Cittadinanza dell’Università degli Studi Roma Tre.

Hai bisogno di ulteriori informazioni?
Scrivici a help@infoimmigrazione.com
Rispondiamo sempre.

Online Legal Support

Ricevi la tua risposta in poche ore.

CONTATTA UN AVVOCATO

7 commenti
    1. Salve sono intrato in Italia in dicembre dal 2018 ho la patente di guida di mio paese voglio sapere come mi aiutano io volevo lavorare mi piace veramente molto la bella Italia io sono dal Ecuador

  1. buongiorno, ho una patente di guida tunisina fatta nel 2012 ed io sono residente in Italia dal 2010 ,è possibile convertirla?
    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai tutti gli aggiornamenti sulla tua casella di posta.

Potrebbero interessarti

Titolo di viaggio per stranieri, cos’è e chi può ottenerlo

Il titolo di viaggio è un documento equipollente al passaporto del Paese…

Dichiarazione di ospitalità, come si ospita un cittadino extracomunitario, modello PDF

La dichiarazione di ospitalità è un documento necessario per i cittadini stranieri…

Idoneità alloggiativa, cos’è e dove si chiede

Il certificato di idoneità alloggiativa è quel documento che attesta il numero…