Ricongiungimento familiare con figlio maggiorenne
Ricongiungimento familiare con figlio maggiorenne

Nella nostra Costituzione, la parte dedicata ai diritti e ai doveri dei cittadini, si apre con l’enunciazione dei principi relativi alla famiglia. Quest’ultima assume un rilievo primario tra le formazioni sociali, in quanto costituisce la prima e più importante cellula della società. A tal fine, la Costituzione garantisce, all’art. 29, il diritto all’unità familiare.

L’unità familiare viene garantita e tutelata, non solo per quanto riguarda le famiglie italiane, ma anche per quelle straniere.
Gli artt. 28 ss. del dlgs 286/98 infatti, attribuiscono tale fondamentale diritto anche ai cittadini extraUE.
Più nello specifico, il primo comma dell’art. 28 TUI, dispone che “il diritto a mantenere o a riacquistare l’unità familiare nei confronti dei familiari stranieri è riconosciuto, alle condizioni previste dal presente testo unico, agli stranieri titolari di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno di durata non inferiore a un anno rilasciato per motivi di lavoro subordinato o autonomo, ovvero per asilo, per studio, per motivi religiosi o per motivi familiari”.

Il successivo art. 29, rubricato “Ricongiungimento familiare”, specifica quali solo le categorie di familiari per cui è possibile chiedere l’ingresso dei propri parenti in Italia.

Il ricongiungimento del figlio maggiorenne

Per quanto riguarda il ricongiungimento avente ad oggetto i figli maggiorenni, l’art. 29 del decreto legislativo n. 286/1998, stabilisce che è possibile solo qualora, per ragioni oggettive, i figli non possano provvedere alle proprie indispensabili esigenze di vita in ragione del loro stato di salute che comporti invalidità totale.

Quindi la domanda di nulla osta al ricongiungimento è possibile solo se il figlio maggiorenne sia portatore di invalidità totale.

Tuttavia, il problema non si pone se la domanda è stata inoltrata prima del compimento della maggiore età del figlio.
Per i figli minorenni infatti, il ricongiungimento è sempre possibile, anche per i figli nati fuori del matrimonio, da genitori non coniugati, a condizione che vi sia il consenso dell’altro genitore.

Per i figli diventati maggiorenni invece, il ricongiungimento può essere chiesto solo se il figlio sia portatore di un’invalidità totale e per tale motivo, sarà necessario dimostrare che il figlio risulti effettivamente a carico e, per motivi oggettivi, non possa provvedere alle proprie indispensabili esigenze di vita.
L’invalidità totale deve essere quindi documentata da certificati medici ufficiali e legalizzati.

Quali documenti servono per il ricongiungimento?

Lo straniero che intende presentare domanda di ricongiungimento familiare deve dimostrare di essere in possesso di specifici requisiti e documenti.
L’iter, i documenti necessari, nonché il reddito richiesto per presentare domanda di nulla osta, sono descritti nel dettaglio in questo articolo.

Hai bisogno di ulteriori informazioni?
Scrivici a help@infoimmigrazione.com
Rispondiamo sempre.

Online Legal Support

Ricevi la tua risposta in poche ore.

CONTATTA UN AVVOCATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai tutti gli aggiornamenti sulla tua casella di posta.

Potrebbero interessarti

Permesso di soggiorno UE illimitato: come ottenerlo, rinnovo e revoca

Il permesso di soggiorno UE (ex carta di soggiorno) ha durata indeterminata.…

È possibile viaggiare con la ricevuta del permesso di soggiorno?

La ricevuta della richiesta di rinnovo costituisce un documento fondamentale: dimostra di…

Permesso di soggiorno per convivenza di fatto, chi può richiederlo?

La legge Cirinnà (Legge n. 76/2016 del 20/05/2016) oltre ad aver riconosciuto…