Permesso di soggiorno per Attesa cittadinanza
Permesso di soggiorno per Attesa cittadinanza

Il permesso di soggiorno per attesa cittadinanza è disciplinato dall’art. 11, comma 1 lett. c) del D.P.R. 394/1999.
La norma prevede che esso possa essere rilasciato “per acquisto della cittadinanza o dello stato di apolide” in favore dello straniero che sia già titolare di permesso di soggiorno per altri motivi e per la durata del procedimento di concessione (della cittadinanza) o di riconoscimento (dell’apolidia).

In sostanza, quindi, chi è in attesa della concessione della cittadinanza ha titolo a soggiornare legalmente in Italia fino al termine del relativo procedimento.

Chi può richiederlo

Secondo la lettera della norma, il permesso di soggiorno per attesa cittadinanza può essere rilasciato solo allo straniero che sia titolare di permesso di soggiorno per altri motivi.
Non è quindi possibile, per esempio, chiedere e ottenere – tramite l’Ambasciata o il Consolato all’estero – un visto di ingresso per attesa cittadinanza.

Permesso per attesa cittadinanza con richiesta di cittadinanza iure sanguinis

Una previsione specifica, in base alla Circolare del Ministero dell’Interno n. 32 del 13 giugno 2007, riguarda coloro che intendono avviare in Italia la procedura per il riconoscimento della cittadinanza iure sanguinis. 

Essi possono chiedere l’iscrizione anagrafica, con la sola ricevuta della dichiarazione di presenza resa al momento dell’ingresso in Italia all’Autorità di frontiera.
Ottenuta l’iscrizione anagrafica, il richiedente cittadinanza iure sanguinis, può inoltrare richiesta di permesso di soggiorno per attesa cittadinanza in Questura tramite compilazione del kit postale.
Ciò in quanto, con la legge n. 68 del 2007, per i soggiorni di durata inferiore ai 3 mesi, il permesso di soggiorno (per motivi turistici) è stato sostituito dalla suddetta dichiarazione di presenza.

Tutti coloro che intendono richiedere tale permesso di soggiorno devono anche dimostrare il possesso di un alloggio e di mezzi economici sufficienti per il sostentamento.

Come richiederlo e documenti necessari

Il permesso di soggiorno per attesa cittadinanza si richiede mediante invio del kit postale debitamente compilato.

Alla domanda sarà necessario allegare:

  • fotocopia del passaporto o documento equipollente;
  • fotocopia del permesso di soggiorno precedente;
  • documentazione attestante l’avvio del procedimento di concessione/riconoscimento della cittadinanza;
  • documenti inerenti l’alloggio (certificato di proprietà, contratto di affitto, dichiarazione di ospitalità);
  • documenti riguardanti i mezzi economici di sostentamento o i redditi posseduti.

Il tutto deve essere inviato alla Questura della provincia di residenza la quale, ricevuta la documentazione, convocherà l’interessato.

In questa sede, bisognerà portare n. 4 fototessera, esibire il passaporto e la ricevuta postale di invio della domanda per il rilascio del permesso di soggiorno, nonché tutti i documenti in originale allegati alla richiesta.

Cosa si può fare con un permesso di soggiorno per attesa cittadinanza

Chi è in possesso di tale permesso di soggiorno ha l’obbligo di iscriversi al Servizio Sanitario Nazionale ai sensi dell’art. 34 comma 1 lett. b) del D.Lgs. 286/98.

Non è invece consentito svolgere attività lavorativa.

In presenza dei relativi requisiti reddituali e alloggiativi (vedi articolo 29 D.Lgs. 286/98), inoltre, si può chiedere il ricongiungimento familiare.

Il permesso per attesa cittadinanza è convertibile?

Il permesso in questione è convertibile in permesso di soggiorno per motivi di lavoro. Si tratta, invero, di una novità introdotta con il D.L. 130/2020 (meglio conosciuto come Decreto Lamorgese).
L’art. 1 del decreto, nell’introdurre modifiche all’art. 6 del D.Lgs. 286/98, annovera tra i permessi convertibili anche quello per acquisto della cittadinanza o dello stato di apolide, “ad eccezione dei casi in cui lo straniero era precedentemente in possesso di un permesso per richiesta asilo”.

Hai bisogno di ulteriori informazioni?
Scrivici a help@infoimmigrazione.com
Rispondiamo sempre.

Online Legal Support

Ricevi la tua risposta in poche ore.

CONTATTA UN AVVOCATO

1 commento
  1. con un permesso di soggiorno in attesa di cittadinanza:

    – se si converte il permesso si soggiorno in attesa di cittadinanza in permesso per lavoro si perde il diritto di aver la cittadinanza e si interrompe il processo o è solo un modo per poter lavorare?
    – si può viaggiare in europa o come in altri casi preferibile evitare perchè non è riconosciuto da altri stati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai tutti gli aggiornamenti sulla tua casella di posta.

Potrebbero interessarti

Cittadinanza italiana: le varie fasi e controllo della pratica

La domanda di cittadinanza deve essere presentata esclusivamente online, tramite il sito del…

Chi non deve fare il test B1 di lingua italiana

In molti ci chiedete informazioni sul test di lingua italiana di livello…

Cittadinanza italiana per il titolare di status di rifugiato

L’art. 10 comma 3 della Costituzione prevede che «lo straniero al quale…