Cos'è lo SPID, come si attiva e a cosa serve

Lo SPID è il Sistema Pubblico di Identità Digitale e consente di accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione o dei privati accreditati. Con le credenziali ricevute si potrà quindi fruire di specifici servizi online.
L’identità digitale sarà sempre unica, utilizzabile da computer, tablet e smartphone.

Per poter usufruire di tale servizio è necessario essere maggiorenni, anche residenti all’estero.
Necessario è il possesso di un documento di riconoscimento in corso di validità, la tessera sanitaria con il codice fiscale valido, un indirizzo e-mail attivo e il numero di telefono cellulare utilizzato abitudinariamente.

Cittadinanza italiana per residenza, ecco cosa ti serve per fare la domanda.

Lo spid è gratuito?

Si, lo SPID è gratuito, ma si può anche attivare scegliendo gestori abilitati all’erogazione del servizio pagando un canone. Una volta ottenuto, nessun costo verrà richiesto.

Dove si richiede lo SPID?

L’identità digitale può essere richiesta presso le Poste Italiane, gratuitamente. Qualora si richiedesse il riconoscimento presso il proprio domicilio è necessario pagare un piccolo contributo.

Occorre fare una pre-registrazione online sul sito posteid.poste.it, caricando sul web tutta la documentazione richiesta. Ci si dovrà recare poi presso l’ufficio postale più vicino per essere identificati. Dopo l’identificazione di pochi minuti, verranno inviate al proprio indirizzo email le credenziali Spid.

In alternativa, è possibile affidarsi ai gestori online abilitati, i più comuni sono Aruba o Infocert. In tal senso, la modalità di riconoscimento richiesta potrebbe essere tramite carta d’identità elettronica (CIE), Carta Nazionale dei Servizi (CNS), Firma Digitale o tramite webcam. Il servizio richiede il pagamento di un contributo.

A cosa serve lo SPID?

Con le credenziali SPID è possibile inviare la dichiarazione dei redditi sul sito dell’Agenzia delle Entrate, attuare pratiche d’impresa oppure avere accesso alle reti Wi-fi pubbliche. A titolo meramente esemplificativo, si ricorda che l’Identità Digitale può essere utilizzate per richiedere i Bonus di Stato, partecipare a concorsi pubblici,  viene utilizzata per l’uso dell’app IO del Governo, per iscriversi ai concorsi, o per prenotare una visita medica.
Ma soprattutto, lo SPID è diventato indispensabile per inoltrare la richiesta di cittadinanza italiana.

Quanti livelli di SPID esistono?

Lo SPID prevede tre differenti livelli che permettono di accedere a tre tipologie di servizi diversi:

  • le credenziali SPID di livello I consentono l’accesso ai servizi online tramite un nome utente ed una password scelti direttamente dall’utente;
  • le credenziali SPID di livello II sono dedicate alle prestazioni che richiedono un grado di sicurezza elevato (es. Agenzia delle Entrate. Si accede sempre con un nome utente e password prescelti dall’utente più un codice temporaneo di accesso (cd. one time password), che verrà inoltrato direttamente un dispositivo elettronico (es. smartphone):
  • le credenziali SPID di livello III prevedono l’utilizzo di aggiuntivi sistemi di sicurezza e di dispositivi fisici (es smart card) che vengono somministrati dal gestore dell’identità.
Hai bisogno di ulteriori informazioni?
Scrivici a help@infoimmigrazione.com
Rispondiamo sempre.

Online Legal Support

Ricevi la tua risposta in poche ore.

CONTATTA UN AVVOCATO

1 commento
  1. Salve il mio spid carica solo 5 pratiche per l’invio di il sito nulla osta.intero come fai a fare le spid chi caricare molte pratiche grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai tutti gli aggiornamenti sulla tua casella di posta.

Potrebbero interessarti

Titolo di viaggio per stranieri, cos’è e chi può ottenerlo

Il titolo di viaggio è un documento equipollente al passaporto del Paese…

Dichiarazione di ospitalità, come si ospita un cittadino extracomunitario, modello PDF

La dichiarazione di ospitalità è un documento necessario per i cittadini stranieri…

Patente straniera: quando utilizzarla in Italia e come convertirla

Il vigente Codice della Strada (artt. 135-136 del D. Lgs. 285/1992) permette…